Presidente

prof. Ennio Triggiani


Consiglio di Amministrazione

Presidente

prof. Ennio Triggiani

Direttore

Prof. Giuseppe Sylos Labini

Direttore Amministrativo

avv. Maria Laura Nardilli

Rappresentante dei Docenti

prof. Emanuele Bisceglie

Esperto M.I.U.R.

dott. Giuseppe Ilario

Rappresentante degli Studenti

Filippo Ardito


Revisori dei Conti

dott. Arturo Tauro (MEF)
dott.ssa Angela Nappi (MIUR)


Nucleo di Valutazione

Esperti esterni

dott. Giorgio Bruno Civello
prof. ing. Mariagrazia Dotoli
prof.ssa Giustina Coda

 

Consulta degli Studenti

Filippo Ardito (presidente)
Maurizio Di Luzio
Grazia Di Rella

Francesco Luca Potente
Giuseppe Mancini

Direttore

prof. Giuseppe Sylos Labini


Consiglio Accademico

Presidente

prof. Giuseppe Sylos Labini

Docenti

prof.ssa Annalisa Cantarini
prof.Giancarlo Chielli
prof. Antonio Cicchielli
prof. Michele Maielli
prof. Mauro Antonio Mezzina
prof.ssa Magda Milano

Rappresentanti degli Studenti

Maurizio Di Luzio

Grazia Di Rella


Collegio Docenti

Vai alla sezione Docenti

Amministrazione

Direttore Amministrativo

avv. Maria Laura Nardilli

Direttore di Ragioneria

Michele Murgolo


Ufficio Didattico

Francesco Coviello


Ufficio di Ragioneria

Giuseppe Camorcia
Angela Milella


Ufficio Protocollo e Personale

Francesca Lorusso
Paola Carnimeo


Coadiutori

Giuseppina Alicino
Vincenza Fanizza
Nicola Girone
Chiara Laruccia
Filomena Malatacca
Francesco Marzolla
Carla Morgese
Anna Napolitano
Luigi Piscopello
Giacoma Sciacqua
Crescenza Santoro

Arti Visive



Progettazione e Arti Applicate


 
 
 
 
 

I Dipartimenti sono la struttura di coordinamento delle attività didattiche, di ricerca e di produzione artistica delle scuole ad esso afferenti, secondo lo schema previsto dal DPR 212/05 e in cui confluiscono i professori dell'Accademia in servizio di ruolo con incarico contrattuale a tempo indeterminato o determinato.

1. E' possibile l'attivazione di istituti dipartimentali e interdipartimentali tra più istituzioni AFAM e Università presenti sul territorio.
2. L’Accademia di Belle Arti di Bari attiva i seguenti dipartimenti: Arti visive, Progettazione e Arti applicate.

 

Di seguito le Regole Generali

Attachments:
Download this file (DIPARTIMENTI_REGOLE_GENERALI.pdf)DIPARTIMENTI_REGOLE_GENERALI.pdf[ ]234 kB

L’Accademia di Belle Arti di Bari, riconoscendo il ruolo fondamentale della didattica nell’elaborazione e nel trasferimento della conoscenza, opera per assicurare la completezza del processo formativo degli studenti; a tale scopo garantisce l’efficienza delle infrastrutture per la didattica e favorisce l’innovazione delle forme di insegnamento. Essa riconosce il ruolo essenziale della ricerca per la conoscenza e la produzione delle Arti, pertanto favorisce le iniziative proposte dalle strutture accademiche e dai singoli docenti.

L’Accademia attua le iniziative necessarie ad assicurare agli studenti una preparazione artistica, culturale e scientifica idonea a soddisfare le domande di formazione, anche in relazione alle diverse esigenze della società. In tal senso essa organizza le attività di tutorato e di orientamento degli studenti, allo scopo di agevolare la corretta individuazione del percorso formativo e promuovere il rapporto con il mondo del lavoro già durante il corso degli studi.

In materia di diritto allo studio, l’Accademia predispone spazi ed attrezzature adeguati per consentire la piena partecipazione all’attività formativa di quanti si trovino in condizioni di disagio o d’impedimento, ricorrendo anche a strutture decentrate e favorendo l’istituzione di corsi per studenti lavoratori. Inoltre essa promuove ed intensifica i rapporti con l’E.Di.S.U., ente regionale preposto a favorire il diritto allo studio, e con altri enti similari, per rendere effettiva la fruizione dei servizi e dei benefici previsti dalla legge.

L’Accademia, anche in collaborazione con altri enti ed istituzioni, può erogare assegni o borse di studio ed attivare altre forme di sostegno economico allo studio. Tali interventi, in conformità alla normativa vigente, tengono conto del merito e delle condizioni economiche degli studenti.

Per quanto concerne l’attività extradidattica l’Accademia, nell’ambito delle proprie finalità, sviluppa rapporti con altre istituzioni ed organismi territoriali, nazionali, comunitari e internazionali operanti nel campo della didattica e della ricerca artistica e con enti pubblici ed enti e soggetti privati. Essa realizza intese programmatiche con le istituzioni del sistema scolastico, educativo e della formazione professionale, sviluppa attività di consulenza, di produzione, di formazione professionale e di servizio per utenti pubblici e privati; in particolare partecipa alla promozione, all’organizzazione e alla realizzazione di servizi culturali e formativi sul territorio. Il frutto di questa intensa attività è rappresentato dagli eventi che l’Accademia organizza e patrocina ogni anno, e dalle mostre riservate agli alunni che rappresentano per questi ultimi un’importante occasione per far conoscere i propri lavori.

In particolare quest’anno L’Accademia di Belle Arti di Bari organizza la X edizione del Premio Nazionale delle Arti, riservato agli studenti delle Accademie di Belle Arti e dei corsi accreditati AFAM regolarmente iscritti all’anno accademico 2012/2013. Si tratta di un prestigioso palcoscenico in grado di valorizzare le eccellenze nei settori della pittura, scultura, arti grafiche, decorazione, scenografia teatrale, cinematografica e televisiva, fotografia, arte elettronica, opere interattive, videoinstallazioni e produzioni audiovisive di narrazione e di creazione.

L’esposizione si è tenuta dall’1 al 10 Ottobre 2013, lungo un percorso all’interno degli spazi urbani e nei luoghi storici della città di Bari.

L’attuale situazione economica e la continua contrazione del mercato del lavoro pongono il pressante problema della ricerca di uno sbocco lavorativo al termine degli studi. Consapevole di questa situazione, l’Accademia di Belle Arti di Bari sta attivando progetti e procedure allo scopo di agevolare il collegamento tra percorsi di studio e mondo del lavoro, favorendo la conoscenza dei profili professionali e del mercato del lavoro, e fornendo strumenti per operare una scelta consapevole legata alle caratteristiche e alle propensioni individuali.

JOB PLACEMENT
Allo scopo di agevolare le scelte professionali degli studenti e facilitare il concreto inserimento lavorativo dei neolaureati, è prevista l’attivazione di un servizio di “Job Placement”, col compito di analizzare le figure professionali richieste dal mercato, di facilitare la realizzazione di stages presso aziende ed enti interessati, stipulandone le convenzioni e rilasciando i relativi attestati, e in genere di facilitare l’incontro fra diplomati e impresa. E’ prevista, fra l’altro, la diffusione dei curricula presso le aziende, la divulgazione delle opportunità di lavoro proposte dalle aziende e la realizzazione di un servizio di preselezione delle candidature.

ALMA LAUREA
Alma Laurea è la banca dati di un sempre crescente numero di Atenei, che raccoglie un’ampia documentazione di tutti i laureati delle Università aderenti. e viene resa consultabile esclusivamente per l’avviamento al lavoro e la selezione del personale. Dal 2012 Alma Laurea, fino a quel momento riservata solo alle Unversità, è stata aperta anche alle agli Istituti di Alta Formazione Artistica e Musicale, offredo anche a queste strutture un’importante opportunità per favorire l’ingresso o la migliore collocazione nel mondo del lavoro dei propri diplomati. Alma Laurea è un consorzio pubblico senza fini di lucro, a formato ad oggi da 51 Università e da un numero crescente di Istituti di Alta Formazione. Permette di sottoporre, tramite Internet, il curriculum vitae dei laureati all’attenzione di chi cerca personale qualificato e ogni anno realizza due indagini relative al profilo dei laureati e alla loro condizione occupazionale, in modo da restituire agli studenti un’analisi sul percorso di studi compiuto e sulle prospettive dopo la laurea, e permettere alle Università e agli Istituti di Formazione di migliorare la propria capacità formativa. E’ un’opportunità che l’Accademia di Belle Arti di Bari non intende lasciarsi sfuggire, pertanto è previsto che entro breve tempo essa aderisca al consorzio Alma Laurea.

BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO
Promossa dal Ministero del Lavoro e dalle Regioni, la Borsa Continua Nazionale del Lavoro è un nuovo servizio internet per l’incontro domanda-offerta di lavoro rivolto a cittadini, imprese, intermediari pubblici e privati e accessibile liberamente da qualunque punto della rete. I cittadini ed i datori di lavoro che accedono alla Borsa Continua Nazionale, autonomamente o attraverso un operatore, scelgono il livello territoriale, provinciale, regionale o nazionale sul quale esporre la propria candidatura o offerta di lavoro. La Borsa Continua Nazionale del Lavoro contribuisce ad un più rapido incontro tra fabbisogni, servizi e soluzioni contrattuali, aperto a una pluralità di operatori pubblici e privati autorizzati e accreditati. Far parte del sistema della Borsa è il modo migliore di rendere visibile la propria offerta o domanda di lavoro su tutto il territorio nazionale e nella Comunità Europea. La Borsa è un sistema informativo basato su una rete di nodi regionali che cooperano fra di loro attraverso il livello nazionale realizzato dal Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale, che mediante un canale di interscambio e di cooperazione applicativa, consente la corretta integrazione delle banche dati del sistema e la circolazione delle informazioni necessarie per il processo di incontro fra domanda e offerta di lavoro sul territorio nazionale. Questo sistema di interscambio permette l’integrazione delle banche dati e la circolazione delle informazioni, per agevolare l’incontro tra domanda e offerta di lavoro. Sia i lavoratori che i datori di lavoro possono aggiornare senza limiti i propri dati.

La legge 24 dicembre 2012, n. 228, rendendo attuativa la legge 21 dicembre 1999 n. 508, sancisce in via definitiva lo Status universitario degli Istituti di Alta Formazione Artistica e Musicale. In particolare detta legge, ai commi 102-107, così dichiara:

102. Al fine di valorizzare il sistema dell’alta formazione artistica e musicale e favorire la crescita del Paese [...] i diplomi accademici di primo livello rilasciati dalle istituzioni facenti parte del sistema dell’alta formazione e specializzazione artistica e musicale [...] sono equipollenti ai titoli di laurea rilasciati dalle università appartenenti alla classe L-3 dei corsi di laurea nelle discipline delle arti figurative, della musica, dello spettacolo e della moda [...].

103. [...] i diplomi accademici di secondo livello rilasciati dalle istituzioni di cui al comma 102 sono equipollenti ai titoli di laurea magistrale rilasciati dalle universita’ appartenenti alle seguenti classi dei corsi di laurea magistrale [...]: a) Classe LM-12 (Design) per i diplomi rilasciati dagli Istituti superiori per le industrie artistiche, nonche’ dalle Accademie di belle arti nell’ambito della scuola di «Progettazione artistica per l’impresa», [...]; b) [...]; c) Classe  LM-65 (Scienze dello spettacolo e produzione multimediale) per i diplomi rilasciati dall’Accademia  nazionale  di arte drammatica, nonche’ dalle Accademie di  belle  arti nell’ambito delle scuole di «Scenografia» e di «Nuove tecnologie dell’arte», [...]; d) Classe LM-89 (Storia dell’arte) per i diplomi rilasciati dalle Accademie di belle arti nell’ambito di tutte le altre scuole  di  cui alla Tabella A del decreto del Presidente della Repubblica 8 luglio 2005, n. 212, ad eccezione di quelle citate alle lettere a) e c).

104. I diplomi accademici di secondo livello rilasciati dalle istituzioni di cui all’articolo 2, comma 1, della legge 21  dicembre 1999, n. 508 [fra cui le Accademie di belle arti ndr] costituiscono titolo di accesso ai concorsi di ammissione  ai corsi o scuole di dottorato di ricerca o di specializzazione in ambito artistico, musicale, storico artistico o storico-musicale istituiti dalle universita’.

105. [...]

106. I titoli sperimentali conseguiti al termine di percorsi validati dal Ministero dell’istruzione, dell’universita’ e della ricerca nelle istituzioni di cui al comma 102 [...] sono equipollenti ai diplomi accademici di primo e di secondo livello, secondo una tabella di corrispondenza determinata con decreto del Ministro dell’istruzione, dell’universita’ e della ricerca[...].

107. I diplomi finali rilasciati dalle istituzioni di cui al comma 102, al termine dei percorsi formativi del previgente ordinamento, conseguiti prima dell’entrata in vigore della presente legge e congiuntamente al possesso di un diploma di scuola secondaria superiore, sono equipollenti ai diplomi accademici di secondo livello secondo una tabella di corrispondenza determinata con decreto del Ministro dell’istruzione, dell’universita’ e della ricerca [...].