Mostre e eventi

 

Lo spazio è per Federico II immagine di un potere capace di integrare preesistenze e diversità materiali e culturali  a causa di un interesse smisurato verso ogni aspetto della realtà.  Un atteggiamento mentale che ha la pretesa dell’onniveggenza, cosicché potremmo dire che il suo sguardo assoluto aspiri a contenere in sé tutti gli sguardi possibili.  Perciò il suo rapporto con lo spazio può essere concepito secondo una strategia di dominio, ma anche inteso come modo dell’abitare in relazione al cosmo e al naturale, spazio in cui è possibile tessere un dialogo tra differenti culture. In tal senso anche l’atto dell’artista, che tende a  trasformare ogni materia in una struttura immaginaria,  può rivelarsi espressione di uno ‘sguardo sovrano’ in grado di decidere se regolare lo spazio  della rappresentazione secondo una visione antropocentrica o renderlo altrimenti metafora di una strutturale sproporzione tra l’Io e il mondo, che dice di un’ultima impossibilità a contenere in immagine il rapporto con la vita. Così i nostri autori, radicalizzando  il linguaggio artistico fino al punto di esaurirne ogni riferimento oggettuale, ma anche ripercorrendo a ritroso il passato con chiari riferimenti a modelli già storicizzati, insistono nel cercare  una corrispondenza tra intimità e umanità che pervenga a soluzioni inattese. Lo spazio è indagato come immagine dialettica tra presenza e assenza, luce e ombra, segno geometrico e impronta cromatica, e connotato dalla segreta aspirazione  di dar forma a quel desiderio di autenticità individuale  che ancora resiste nella processualità del lavoro e nel senso di responsabilità che lo accompagna. Ecco perché non appare pretestuoso verificare - in modo anacronistico se si vuole – come venga affrontata, con gli strumenti della pittura, della fotografia e del video, l’idea di spazialità come messa in atto di una possibilità che ci introduca all’intuizione dell’invisibile. Se lo spazio, infatti, può dirsi forma simbolica di uno sguardo su se stessi e sul mondo, ciò che è in questione è il senso dell’abitare, perché lo spazio non è solo da intendersi fuori di noi, ma anche dentro di noi, come qualcosa che ci abita e permette al nostro sguardo di essere in ogni immagine, dispiegandosi fuori cornice a destabilizzare l’orizzonte abituale. Oltre il soggetto e oltre l’apparenza di ogni cosa.

 

Dal 2 al 9 aprile 2015 c/o Fortino Sant’Antonio Bari


E’ stato scelto il Fortino Sant’Antonio di Bari per ospitare dal 2 al 9 aprile prossimo la collettiva d’arte contemporanea MYPERCEPTION, realizzata a conclusione del progetto artistico culturale MyPerception-l’arte nei cinque sensi, nato dall’idea del professionista Nico Caradonna, curato dalla giornalista Stefania Ferrante e realizzato in collaborazione con l’Accademia di Belle Arti di Bari.

Giovedì 2 aprile alle 18,30 c/o il Fortino Sant’Antonio l’inaugurazione della grande “esposizione sensoriale”. Verrà proposto al pubblico un vero e proprio excursus tra i cinque sensi, risultato di una complessa operazione artistica che ha visto coinvolti ben 39 studenti dell’Accademia di Belle Arti, patrocinata da Regione Puglia, Comune di Bari e Comune di Modugno.
In un’unica performance d’arte saranno raccolte più di 25 opere, selezionate tra quelle già esposte durante le cinque mostre precedenti, dedicate agli organi di senso, e realizzate nell’arco di un anno a Modugno presso lo spazio commerciale “VisionOttica Caradonna”.
Durante il vernissage verrà presentato il catalogo “MyPerception-l’arte nei cinque sensi” a testimonianza di un’esperienza importante che ha favorito la sperimentazione, la ricerca e la scoperta dei linguaggi dell’arte sia da parte del fruitore, non necessariamente “addetto ai lavori”, che dell’artista stesso.

All’interno dell’esposizione MYPERCEPTION, saranno, inoltre raccolti i diversi segnali di contemporaneità della percezione. Si offrirà al pubblico l’opportunità di riflettere su quell’esperienza sensoriale percettiva che va oltre la tridimensionalità dell’oggetto, ricordando l’esistenza di una dimensione altra con la quale ci confrontiamo ogni giorno: il virtuale.


Media Partner dell’intero progetto JCOM ITALIA autori del sito internet www.myperception.it, Radio Sound City Network, Controradio, LSD Magazine, Enkomion, Il sito dell’arte e della Web Tv EVENTV.
La mostra è gratuita ed aperta al pubblico.

Info:
Orari di apertura
Ven/Sab ore 17,30-21,30
Mar/Mer/Gio 18.00-20,30

A cura di Marcella Adago

La mostra intende rivalutare l’importanza della manualità dell’artista nella realizzazione dell’opera d’arte e la conoscenza delle tecniche e delle pratiche esecutive, nella libera espressione dei linguaggi dell’Arte  Contemporanea.
Docenti, allievi e cultori della materia, operanti nell’ambito Accademico, uniti in questo primo progetto espositivo che intende diventare un’articolata rassegna per valorizzare il ruolo degli artisti nelle Accademie d’Arte in Italia.

 
Lorusso Arte Contemporanea
Andria – via Napoli 71

29 Marzo / 29 Aprile 2015

Marcella Adago, Fabio Bonanni, Mimmo Conenna, Pietro Di Terlizzi, Carlo Fusca, Paolo Lunanova, Francesca Macina, Vito Maiullari, Giuseppe Marinelli, Albert Metasani, Antonio Pasquale Prima, Beppe Sylos Labini.

Domenica  22 FEBBRAIO 2015  ore 18.30

Convento Santa Chiara, Mola di Bari


PRESENTAZIONE DEL CHIOSTO DI SANTA CHIARA RESTAURATO

INTERVERRANNO
L’ARCHITETTO FRANCESCO FUZIO
IL SINDACO DI MOLA, STEFANO DIPERNA

 



 


Venerdì 27 Febbraio 2015 * ore 18.30

Inaugurazione YA GALLERY

Convento Santa Chiara - primo piano

a cura di Fabio Bonanni e Giancarlo Chielli

La Dimensione Della Luce

La Dimensione della Luce è la mostra che inaugura lo spazio espositivo creato all’interno dell’ex convento di Santa Chiara di Mola di Bari. Accanto alle sale che vedono quotidianamente all’opera gli studenti dell’Accademia di Belle Arti di Bari, i suggestivi corridoi intonacati a calce sembrano spontaneamente offrirsi come momento di riflessione e contemplazione artistica. Quest’ultima, per sua natura,  prescinde dall’ambito strettamente didattico e locale. Lo spazio YA-YoungArtists si propone infatti di ospitare, con mostre temporanee che utilizzano l’espediente tematico, quelle nuove voci che, artisticamente parlando, si presentano con maggiore risolutezza.
La storia dell’uomo sembra non poter prescindere dal fascino che l’elemento della luce esercita incessantemente. Scienziati, architetti, poeti e artisti, coloro i quali possiedono una sensibilità acuita per propensione, per millenni l’hanno eletta quale centro delle proprie riflessioni. Espressione del divino nella pittura rinascimentale, soggetto mistico nell’età della Maniera, come dimenticare la sua presenza nel Ritrovamento del corpo di San Marco di Tintoretto?
Ed anche nei casi di interpretazioni non strettamente religiose, la luce irretisce i sensi con la propria potenza. L’uomo, attraverso la luce, osserva il mondo che lo circonda; con l’osservazione, lo conosce; con la conoscenza, se ne appropria. Gli oggetti si caricano così di significati altri, sino a giungere a possedere una vera e propria coscienza. Come non fare riferimento in questo caso alla pittura fiamminga del XVII secolo?
E così potremmo risalire i secoli, continuando a percorrere la via della luce e nel tragitto incontreremmo migliaia di personalità: Monet, Manet, Seurat, Signac, Cézanne e su su, sino a Dan Flavin e Bruce Nauman. Sempre nuove letture, disparate conclusioni si avvicenderebbero e solo una moderna Beatrice potrebbe guidarci in questi meandri paradisiaci (non perché divini, ma perché luminosi) e noi, liberati dalla paura di poter perdere la via, vedremmo che essa arriva fino ad oggi e continuerà finché tempo, spazio e luce plasmeranno la nostra realtà.
Le soluzioni che lo YA  propone in questa mostra appartengono a cinque giovani artisti che, in maniera diversa, fanno della luce e delle rispettive implicazioni personali, il soggetto privilegiato della propria produzione.
I ‘non-luoghi’ di Francesca Arpino testimoniano come,  nel paesaggio rarefatto della mente dove i sensi trovano riposo, il buio possa esistere come entità a sé stante e non come mera assenza di luce.
Francesca Macina, unica scultrice del gruppo, è naturale erede di quel linguaggio che attraverso i volumi, i pieni e i vuoti esalta magistralmente la luce e le ombre e che, nel caso del suo lavoro, danzano sulla natura scarna di un corpo supino.
I piccoli lavori di Giuseppe Marinelli mostrano la natura temporanea e mutevole della luce. L’artista, attraverso un esercizio rapido, riesce a fissarla nell’attimo senza tradirne l’essenza.
Nell’organica produzione di Antonio Pasquale Prima fondamentale è l’elemento dell’intimità del luogo abitato, espressa appunto attraverso la luce, in cui la presenza umana è percepita seppur non rappresentata.
Le opere di Pierdonato Taccogna chiudono il gruppo e, con la loro presenza, rendono lo spettatore partecipe dello sguardo indagatore dell’artista che, rapito dal comportamento della luce, potrebbe trascorre ore a contemplarla nelle sue varie manifestazioni.
La mostra è a cura del Prof. Giancarlo Chielli e del Prof. Fabio Bonanni.
Il progetto di comunicazione è curato dal prof. Antonio Rollo