Salvatore Anna Maria è nata a Foggia nel 1962.

Nel 1995 si è laureata in “Decorazione” presso l’Accademia di Belle Arti di Foggia  con il massimo dei voti.

Nel 2005 ha conseguito ,con lode,  il Diploma Accademico di II° livello presso l’Accademia di Belle Arti di Foggia.

 

Fotografa professionista e artista, ha partecipato a numerosissime mostre fotografiche personali e collettive,

nazionali  internazionali, vincendo premi e riconoscimenti sia in Italia che all’estero.

Ha realizzato numerosi reportage fotografici a cui sono seguite pubblicazioni.

Di notevole importanza il tour fotografico ”Travel Notes” nel New Jersey e

“Alma de Cuba”

Testate giornalistiche e tv si sono occupate della sua produzione artistica.

Ha curato e pubblicato numerosi cataloghi personali e di artisti vari

Regista, sceneggiatrice e fotografa di scena di cortometraggi, ha vinto il primo premio al Festival del Cinema Indipendente di Foggia con il cortometraggio “Come tu mi vuoi” nel 2004.

E’ stata selezionata , con il video “Women”, al concorso internazionale

“Action For Women” contro la violenza sulle donne, organizzato nel 2010 dal Festival del Cinema di Venezia con l’alto patrocinio della Camera dei Deputati Italiana.

Dal 2007 al 2012 ha insegnato presso l’Accademia di Belle Arti di Foggia:

  • Restauro della fotografia
  • Elaborazione digitale dell’immagine
  • Fotografia digitale.

Dal 2016 è docente di Fotografia Digitale e Fotografia per i Beni Culturali presso l’Accademia di Belle arti di Bari.

 

Premessa

In questi anni si è assistito alla rivoluzione digitale, che ha investito  tutti i campi della tecnologia moderna.

Anche la fotografia ha vissuto uno dei più esaltanti passaggi evolutivi della sua storia; dopo essersi basata, per circa 200 anni, su emulsioni sensibili e bagni chimici, è stata investita dall’onda d’urto dell’informatica, passando repentinamente dall’analogico alla nuova tecnica digitale.

Le principali differenze introdotte dalla fotografia digitale riguardano il supporto su cui viene registrata l’immagine, mentre restano immutate le regole di ripresa fotografica.

I segreti di una buona fotografia risiedono nella conoscenza della materia, nella padronanza del mezzo e nella capacità “artistico- compositiva”.

La visione istantanea dell’immagine e la velocità di trasmissione via internet, hanno fatto si che essa si sviluppasse con una velocità impressionante.

Con uno sguardo attento al mondo dell’arte, ci si rende conto come ormai la fotografia digitale sia assunta ad arte con la “A” maiuscola e non a mera realtà.

 

L’obiettivo del corso è quello di fornire agli studenti un’approfondita conoscenza della materia e degli strumenti fotografici, tale da favorire l’apprendimento della tecnica fotografica per sviluppare l’estro creativo.

Il corso prevede lezioni teoriche, esercitazioni pratiche e revisioni individuali.

 

Argomenti

  • Differenze tra fotografia analogica e digitale .
  • Dalla camera oscura alla camera bianca.
  • Pellicola e sensore.
  • Formati di file (Raw-Tiff-Jpeg) e schede di memoria.
  • Compatte e reflex.
  • Classificazione degli obiettivi.
  • Tecniche di ripresa fotografica.
  • Rapporti tra otturatore, diaframma e tempi di esposizione.
  • Modalità di scatto.
  • Profondità di campo.
  • ISO, sensibilità e grana.
  • Fotografare con luce naturale e luce artificiale.
  • Bilanciamento del bianco.
  • Analisi e composizione dell’immagine (la regola dei terzi).
  • Bianco/Nero digitale.
  • Ritratto/Nudo/Paesaggio/Moda/Reportage/Still – life / Architettura.
  • Esercitazioni in sala di posa.
  • Dalla fotocamera al computer.

 

L’esame finale consisterà in una prova orale e nella valutazione del portfolio finale, realizzato sul tema concordato, che attesti le capacità progettuali, tecniche ed espressive raggiunte dallo studente.

 

Bibliografia consigliata

  • Italo Zannier  -  Storia e tecnica della fotografia – Editori Laterza
  • Michael Freeman- Il libro completo della fotografia digitale-
  • Enrico Maddalena-Manuale completo di fotografia- Hoepli De Agostini.
  • Marco Fodde- L’arte della fotografia in bianconero- Apogeo.

Premessa

La fotografia per i beni culturali è di fondamentale importanza per la documentazione e valorizzazione del vastissimo patrimonio artistico dell’uomo.

Come puro mezzo tecnico, la fotografia consente un lavoro d’indagine sul Bene Culturale che si spinge oltre il visibile.

Intervenendo, attraverso la catalogazione e riproduzione fotografica, nella tutela dei Beni Culturali, la fotografia testimonia, in maniera oggettiva, lo stato delle cose e dei luoghi.

Monitorare un sito o un’opera da tutelare, permette di intervenire tempestivamente in caso di modifiche del bene.

Il testo Unico delle disposizioni legislative in materia di Beni Culturali e Ambientali, del 29 ottobre 1999, ha inserito anche la fotografia tra i Beni Culturali, tutelando quelle immagini che abbiano i requisiti di rarità, pregio artistico e storico.

 

Obiettivi

Il corso, che si articolerà in lezioni teoriche, pratiche e laboratoriali (con uscite sul campo), ha la finalità di consentire agli studenti una padronanza tecnica per una valida documentazione del nostro patrimonio artistico.

Attraverso il progetto didattico: “Ordo Mundi”, omaggio a Bona Sforza sovrana di Polonia e duchessa di Bari;

al fine di far prendere consapevolezza dei legami storici della terra di Bari con la Polonia ,

gli allievi documenteranno fotograficamente i luoghi dove ha vissuto nel XVI secolo la sovrana di Polonia e duchessa di Bari “Bona Sforza”,

con una esposizione conclusiva all’università di Kielce in Polonia nella primavera 2018.

 

Programma

  • Valutazione della conoscenza pregressa di fotografia di base.
  • Lezioni integrative di tecniche della fotografia.
  • Definizione di Beni Culturali.
  • Principi e tecniche per fotografare i beni culturali.
  • Il negativo digitale RAW e il salvataggio in Tiff.
  • Tecniche di ripresa in interni ed esterni.
  • Regola dei terzi.
  • Scelta delle inquadrature.
  • Distorsione prospettica.
  • Bilanciamento del bianco in relazione ai diversi tipi di illuminazione.
  • Post produzione.

 

Modalità d’esame

Ogni studente dovrà presentare un portfolio finale sul progetto concordato.

La valutazione terrà conto della capacità creativa e chiarezza di espressione delle immagini.

 

BIBLIOGRAFIA

Italo Zannier – Storia e tecnica della fotografia – Editori Laterza

Michael Freeman – Il libro completo della fotografia digitale - De Agostini

Carlo Tosco – I Beni Culturali. Storia, tutela e valorizzazione – Editore: Il Mulino