Workshop

 
Ha scritto il graphic novel, uscito per Bao Publishing che s’intitola Biliardino e racconta la storia di Alejandro Finisterre, l’uomo cui si deve la versione moderna di quello che forse è il gioco più diffuso al mondo: il biliardino.
 
Lunedì 18 dicembre sarà da noi per spiegare tecniche e trucchi della sua matita.
 
 
Attachments:
Download this file (disegnospataro.pdf)disegnospataro.pdf[ ]2963 kB

La cattedra di Illustrazione Scientifica in collaborazione con Spine quest'anno ospita Tuono Pettinato, Andrea Paggiaro, illustratore di libri per l'infanzia e fumettista, ma principalmente attento “scrittore” dalla vivace matita, delle biografie a fumetti di Galileo Galilei e Alan Turing sempre affiancato dalla fisica Francesca Riccioni.
Il suo rigore professionale è di particolare interesse per il percorso formativo dei nostri studenti che potranno, giovedì 7 dicembre, ascoltarlo e intervistarlo.
Il workshop darà diritto a mezzo credito formativo.

 

 

 

a cura di Prof.ssa Magda Milano

3O novembre 2O17

Aula 34 - BARI

Ore 9.oo/17.oo

Un Credito Formativo

 

Trainer

Arch. Silvana mMasciopinto

Dott.ssa Francesca Pilò

Prof.ssa Daniela Poggiolini

Ideazione ed organizzazione a cura di
Dr.ssa ANTONIA SPADAVECCHIA
Prof.ssa CARMELA MARIA PATRIZIA D’ORAZIO
Dal 3 Novembre 2017 – aula 31 – ORE 9:30- sede di Bari.
Il workshop darà diritto a 2 CF.


Il workshop intende fornire agli studenti la conoscenza dei metodi sperimentali di incisione NON – TOXIC (Non tossici), diversamente dai metodi tradizionali della Grafica d’Arte.
Per tutta la durata del progetto è previsto l’intervento della Dr.ssa Antonia Spadavecchia , già Cultrice della Materia che ha svolto un’ approfondita ricerca e sperimentazione dei metodi non-toxic e in particolare del metodo Printmaking SOLARPLATE.

Cos’è il metodo SOLARPLATE?
Il metodo Solarplate rappresenta un passo avanti nella direzione di un modo di operare in maniera ecologica; oltre a configurarsi come una necessità per gli artisti che vogliono lavorare in sicurezza e per tutti coloro che vogliono confrontarsi con diversi sistemi da quelli tradizionali della Stampa d’Arte.
Questo metodo di fotoincisione sperimentato negli USA nei primi anni 70 dall’americano Dan Welden, maestro incisore, pittore, insegnante e autore di fama internazionale, inoltre permette di ampliare lo spettro grafico – visivo della qualità del segno unitamente a tutti i valori dell’ acquatinta.

IL workshop si suddivide in 3 diverse fasi :
• La PRIMA FASE prevede lezioni teoriche e la realizzazione di bozzetti preparatori sia con le tecniche tradizionali ( penne, pennarelli, inchiostri etc..) e sia con elaborazioni digitali; inoltre di fondamentale importanza in fase progettuale è l’uso di materiale fotografico, infatti la fotografia è parte integrante del progetto.

• Nella SECONDA FASE è prevista la realizzazione delle matrici partendo da una lastra di alluminio ricoperta da una superficie polimerica fotosensibile, dove la morsura del disegno , stampato su acetato viene ottenuta esponendo la lastra a luce UV artificiale o luce diretta del sole, mentre il suo sviluppo avviene in acqua in camera oscura.

• Nell’ ULTIMA FASE del workshop invece si procederà alle varie fasi di stampa con prove di colore ed eventuali stampe in sovrapposizione con matrici tradizionali della Grafica d’Arte.

 

Destinatari: Studenti di tutti i Curricula dell’Accademia di Belle Arti di Bari, con particolare riferimento alla Scuola di Scenografia

Durata: 16 ore

Date: 16, 17, 23, 24 Novembre 2017 - ore 13 - 17

Condotto da: Sarah Vecchietti

 

PER ISCRIZIONI E INFORMAZIONI SCRIVERE A: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

il Workshop darà diritto a 1 CFA

 

Galleria fotografica

 

Il workshop si prefigge di fornire agli studenti un'esperienza di approccio laboratoriale alle principali pratiche di espressione e animazione, attraverso la tecnica del teatro nero, del teatro di figura e di animazione di luci. Si individuerà un percorso di lavoro, delineato a partire dalla presa visione di frammenti di spettacoli prodotti dalle principali compagnie di "black light theatre", del teatro di figura, d'ombra e di animazione visuale, utili a fornire diverse dimostrazioni di applicazione artistica delle varie tecniche. L'organizzazione del corso prevede la suddivisione della classe in gruppi di lavoro, i quali realizzeranno scene performate con oggetti, pupazzi, luci e ombre, sulla base di una specifica traccia tematica e narrativa, con inserti di teatro d'attore. Saranno quindi affrontati i diversi passaggi necessari alla creazione di uno studio performativo: strutturazione dello storyboard di animazione visuale su base musicale e drammaturgica, preparazione dello spazio e gestione dei tempi scenici, attività teorico-pratiche legate alla drammaturgia in musica, progettazione, costruzione e pittura di elementi scenici e apparati mobili con differenti materiali (gommapiuma, gomme poliuretaniche, lattice, tessuti, legno, fil di ferro, pittura fluorescente), trasformazione di oggetti di uso comune in oggetti animabili, tecniche d'animazione scenica su nero e attraverso laser e luci a led.

Attachments:
Download this file (Programma teatro nero.pdf)Programma teatro nero.pdf[ ]50 kB